PREGHIAMO TUTTI GLI AUTORI CHE VOGLIONO PARTECIPARE DI SEGUIRE LE ISTRUZIONI DEL BANDO, E DI INVIARE TUTTO IL MATERIALE RICHIESTO COMPRESO IL MODULO DI ISCRIZIONE.

LE ISCRIZIONISONO CHIUSE, I TESTI SONO IN LETTURA E VALUTAZIONE, APPENA AVREMO I RISULTATI SARANNO COMUNICATI   GRAZIE

Perché scrivo?

Carissimi concorrenti, non vedo l’ora di leggere i vostri lavori. Anche io ho partecipato a premi letterari, sempre con una certa emozione, con grandi aspettative: è bello sapere che qualcuno leggerà le tue fatiche e esprimerà un parere. Non so per quale ragione avete deciso un bel giorno di cacciarvi in una faccenda tanto complicata come scrivere. Prima o poi qualcuno vi chiederà una spiegazione: capita a tutti gli autori. A questa domanda ho sentito le risposte di molti colleghi. Alcune le condivido, altre, quando si prendono troppo sul serio, mi fanno sorridere. Io per esempio scrivo perché mi diverte inventare storie, e mi piace l’idea che il lettore si diverta a leggerle, su quest’ultimo punto ci metto molto impegno. Quindi scrivo per intrattenere me stesso e il pubblico. Intendiamoci, scrivere non è una passeggiata nel parco. È impegnativo, faticoso, spesso non è neppure divertente. Tuttavia il piacere di inventare un mistero, anche complesso nella fase creativa, lo trovo appassionante, ed è una motivazione tanto solida da permettermi di superare le difficoltà. Suppongo che sia lo stesso anche per voi.

Quando ho iniziato, verso la fine degli anni novanta, era un hobby. Scrivevo a tempo perso. Leggevo molto, di tutto, raramente gialli. Poi mi è capitato per le mani “Il codice Da Vinci”, mi è piaciuto il romanzo, ma non mi ha convinto il finale. Poco dopo mi succede di leggere un’intervista nella quale Dan Brown risponde alla domanda: perché scrive? E lui risponde: “perché molto spesso quello che leggo non mi soddisfa, e ho pensato che lo saprei fare meglio”. È stata una folgorazione. Non tanto il fatto che avrei saputo fare di meglio, quanto la prima parte della risposta: “spesso non mi soddisfa”. Era proprio quello che succedeva a me. Così ho pensato che sarebbe stata una bella sfida provarci. Scrivere una storia come quelle che mi piacerebbe leggere. Di sicuro succede anche a voi.

Da parte mia non vi chiedo perché scrivete - lo farò quando vi consegnerò il premio - piuttosto, cosa aspettate? C’è in palio la pubblicazione, è un’occasione importante, e vedere il proprio romanzo stampato, rilegato, in libreria, è una felicità che vale tutti gli sforzi che farete.

Aspetto di leggervi.

Buona vita.

Carlo F. De Filippis

Libro Co. Italia vanta un’esperienza ventennale nel settore della distribuzione libraria e può contare su un’infrastruttura di ben quattro magazzini per un totale di 2.500 mq di superficie, con scaffalature che attualmente coprono oltre 11 km lineari.

(C) copyright 2013 CTL SNC P. IVA 01643020496​

editore: CTL Editore

Borgo S. Jacopo, 63 57126 Livorno

Tel. 0586 806376

ctleditorelivorno@gmail.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now